Spring’s Promises

 

 

 

Non so che storia ci racconterà questa primavera. Che giornate vivremo, che esperienze ci regalerà.

So che a Roma è la stagione più bella.

So che indosserò colori chiari. Il beige, qualche tonalità pastello intervallata a pois  e  che con poche probabilità comprerò una camicia floreale.

Il verde pistacchio colorerà coni spessi e croccanti, so che gli occhiali da sole saranno sempre più del necessario e che arriverà il momento dell’allegria.

So anche che questa primavera sarà un po’ diversa dalle altre, per questo la  guardo con scetticismo, perché non riesco a fidarmi del nuovo e forse dovrei imparare a farlo.

Mi guardo indietro e vedo la sicurezza dell’inverno e davanti, prima dei vestiti di lino e del mare cristallino, non so cosa ci sarà.

 

 

 

 

 

I have no clue what this spring will bring.

What kind of days will have, what kind of stories we’ll live?

I know that in Rome is the best season of all.

I know I will wear light colors. There will be beige and some pastel hues mixed to polka-dots, and neither this year I will buy a floral blouse.

Pistachio green will shine brightly at the top of a crunchy ice-cream cone, and I’m sure that the new sunglasses will be, once again, more than a single person needs.

I also know that this spring will not be like the others. This is why I’m watching skeptically from a distance because I have issues letting go and trust what’s new and unknown. Perhaps I should try it.

I look behind and I see the comfort of the winter days by now so familiar, while in front of me, before the linen dresses and the crystal sea, I don’t know what I will find.

 

 

 

Top | H&M
Belt | & Other Stories
Sunglasses | Mango
Shoes| Zara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *