Il Potere dello Storytelling

Emozione e ironia: gli ingredienti per conquistare il mondo digitale 

Storytelling

 

 

Capita sempre più spesso, leggendo l’about me di un blog o la bio di un profilo Instagram di imbattersi nella parola storytelling. Molti influencer e blogger, infatti, affermano di fondare il loro successo, sia con il pubblico che con i brand, proprio nella capacità di creare questo genere di contenuti. Il mondo digitale ci pone davanti ad un vocabolario tutto nuovo ed è impossibile ignorarne i codici: tenere il passo è d’obbligo. A molte di queste parole, tuttavia, è attribuito un senso nebuloso e l’espressione “content creator e storyteller’’ finisce per essere una frase fatta priva di reale significato.

Lo storytelling è una tecnica di comunicazione potentissima che, come dice la parola stessa, consiste nel raccontare una storia. Non si tratta di un racconto qualsiasi, bensì di una narrazione evocativa  e interessante capace di suscitare forti emozioni nel pubblico. I brand vi fanno ricorso per veicolare un messaggio e coinvolgere emotivamente il cliente costruendo con esso una relazione diretta. Non tutte le forme di storytelling però sono efficaci, è necessaria una storia che lasci il segno ma che sia soprattutto percepita come autentica. Il segreto è farsi ricordare costruendo una narrazione dettagliata e coinvolgente in grado di provocare una reazione: emozionare o far sorridere. 

Tra i big brand che fanno ricorso a questa tecnica c’è Chanel che sul sito ufficiale con la serie Inside Chanel, arrivata al 26 capitolo, racconta la vita dell’indimenticabile Gabrielle detta Coco. La narrazione della vita di Coco si intreccia con i momenti chiave del brand trascinando lo spettatore dentro un sofisticato mondo black&white. La storia di Chanel N°5 incalzante e magnetica, proprio come il profumo, suscita un’irrefrenabile voglia di correre a comprare l’iconica fragranza.

 

Un altro aspetto da non tralasciare è l’ironia. Soprattutto nella moda, il non prendersi troppo sul serio è la strada maestra per arrivare al pubblico. Filosofia stessa alla base della fama di Man Repeller e dalla sua fondatrice, la stravagante e mai noiosa Leandra Medine. In un recente video in collaborazione con Gucci, la sua vita da editor newyorkese si intreccia con quella di una bizzarra prestigiatrice: con una borsa di Gucci la vita può così prendere pieghe interessanti e inaspettate.

 

Dal momento che Natale è alle porte, come dimenticare la catena inglese John Lewis che negli anni ha conquistato il primato per le pubblicità natalizie diventando un appuntamento imperdibile. La chiave di questo successo? Ormai è chiaro: uno storytelling ben fatto. In occasione del lancio della nuova campagna, per la prima volta in collaborazione con Waitrose, perché non ripercorrere i loro Christmas advert dal 2007? Magari da accompagnare con una fumante tazza di the, e tanti tissues. 

 

1 Comment

  1. Filomena Amodeo
    15 Novembre, 2019 / 9:33 pm

    Complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *