L’artigianato fiorentino nelle creazioni di Fabio Corsini

 

Per le vie di Firenze, nelle stradine in cui si arriva solo abbandonandosi al piacere del cammino, senza una meta precisa, si trovano ancora piccole botteghe di artigiani. Non è poi così facile imbattersi in un calzolaio, un mestiere che è retaggio di un mondo antico che non esiste più.

Se la grande città guarda al progresso, ad un futuro che essendo nuovo si presume migliore, nei piccoli paesi si trovano ancora tracce del passato, delle cose fatte con lentezza e del culto della tradizione. Lo scenario italiano, ricco nelle sue diversità, è il perfetto esempio della coesistenza di realtà che seguono orologi diversi. Firenze è una città unica perché, forse, è una delle poche in cui questi due orologi coesistono. Accanto alla tecnologia e alle catene di negozi, la città strizza l’occhio all’artigianato, attività rara che custodisce con rispetto. Ciò che per i nostri nonni era pura quotidianità è diventato per noi eccezione, perché la regola è la velocità della produzione in serie, l’acquisto spasmodico, la perdita di valore delle cose. Sarà questo il motivo per cui c’è tanta nostalgia per il passato e una rinnovata curiosità per il fatto a mano. 

L’artigianalità è il nuovo lusso che non guarda al prezzo ma usa come valore di misura la singolarità del prodotto. Artigianale diventa così sinonimo di unico, richiamando un prodotto che è una filosofia e uno stile di vita. L’eccezionalità sta nel tempo impiegato per creare, nelle mani dell’operaio che, sagge nei movimenti, danno vita a qualcosa di irripetibile. 

 

 

E’ un’attività a cui ci si dedica per passione, proprio come Fabio Corsini, orafo fiorentino e orgoglioso artigiano. Cresciuto nella bottega del padre, anche lui orafo, l’artigianato è stato allo stesso tempo destino e scelta di vita. Le sperimentazioni con pietre e metalli diversi, ma anche gli errori, lo hanno portato quattro anni fa alla creazione della sua linea di gioielli, punto di approdo e partenza. Si tratta di una linea per donna e uomo realizzata interamente a mano, in argento e ottone. L’anima di questi gioielli però sta nella parole. Frasi, momenti di riflessione e ispirazione raccolti negli anni, diventano parole incise non sulla carta ma sul metallo. Il gioiello acquista così un significato più profondo, diventa un amuleto, un messaggio da portare con se.

In Fabio Corsini e nelle sue creazioni sono presenti la creatività che si nutre della natura e la tenacia nel portare avanti le proprie idee e visioni. Senza cedere ai dettami del marketing o alla logica dei trend, si è fatto conoscere con i mercatini privati fino ad arrivare ai concept store e ad una vetrina importante: quella di Luisa Via Roma. Nell’artigianato è fondamentale il rapporto con il cliente, lo scambio umano, che per l’artigiano è linfa e incentivo per il futuro. Per la clientela soprattutto quella più giovane, invece, rappresenta un’esperienza inedita, un ineguagliabile momento di arricchimento, non solo materiale. Il mondo antico del fatto a mano oggi sembra lontanissimo, quasi scomparso, eppure se si rallenta il passo può capitare scorgere un artigiano incidere “mare’’ sul metallo. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *